From: "LEONE AUGUSTO" <augusto.leone@MI.INFN.IT>
Newsgroups: milano.amministrativi_e_tecnici
Subject: Novita' sul rinnovo contrattuale.
Date: Wed, 20 Dec 2000 09:03:08 +0100

Cari colleghi vi trasmettiamo il seguente comunicato sindacale unitario
riguardante il nostro contratto.
L'occasione e propizia per augurare a tutti un buon Natale e sereno 2001.
Augusto e Fabrizio.



COMUNICATO

A seguito dell'interruzione delle trattative per il rinnovo del Contratto
del comparto Ricerca, l'ARAN ha convocato nella giornata di ieri Cgil, Cisl
e Uil con l'obiettivo di verificare le posizioni reciproche e di individuare
ipotesi di lavoro che consentano di superare lo stallo della trattativa.
Nel corso dell'incontro l'ARAN si è presentata con un atteggiamento di
apertura sul complesso dei temi principali del confronto qualitativamente
diverso da quanto riscontrato nell'incontro precedente. L'ARAN ha precisato
che su alcuni temi il mandato del Comitato di settore  ha fissato
disponibilità consolidate, nell'ambito del mantenimento dell'impianto
generale dell'ordinamento professionale fissato dal 171: 1) l'impegno a
modificare le regole di scorrimento nell'ordinamento professionale per i
livelli IV-X, superando il meccanismo concorsuale, e introducendo meccanismi
da definire, basati sulla certezza dei tempi e delle procedure; 2) l'impegno
a istituire ulteriori posizioni retributive al di sopra dei livelli apicali
di inquadramento di ogni profilo, in modo da consentire l'allungamento delle
carriere anche senza cambio di profilo; 3) l'impegno a rendere più agevole
il cambio di profilo a parità di livello di inquadramento. Nel corso dell'
incontro è stato formalizzato l'esito della verifica con la Ragioneria
Generale dello Stato, che mette a disposizione del contratto risorse
aggiuntive rispetto a quelle previste per il contratto stesso, per un
importo non precisamente quantificato, ma che si avvicina, se non coincide,
con le richieste da noi formulate al tavolo, e cioè il 2%, in analogia con
quanto pattuito per l'Università. Tali risorse, e questo rappresenta una
novità rispetto a quanto precedentemente dichiarato, non hanno vincoli
predefiniti di utilizzo, ma sono interamente disponibili per la
contrattazione per quanto riguarda la loro destinazione. Le parti hanno
convenuto nell'individuare congiuntamente due problemi critici da affrontare
nel rinnovo: per ricercatori e tecnologi il problema del blocco patologico
delle carriere, soprattutto al terzo livello; e analogamente la necessità di
corredare, per i livelli IV-X, le modifiche alle regole di avanzamento in
ordinamento  con il superamento della rigidità data dai contingenti di
profilo e di livello. E' stato chiarito che le posizioni portate al tavolo
nell'incontro precedente, e che erano l'elemento di più netta contrarietà
sindacale, relative alle forme retributive per i ricercatori e al salario
accessorio dei livelli IV-X, non rappresentano in alcun modo punti
pregiudiziali per il Comitato di settore, ma ipotesi di lavoro su cui la
trattativa ha una titolarità di discussione  a tutto campo; così come
analoga disponibilità a negoziare esiste sulla riduzione degli attuali
livelli retributivi e relativi profili professionali.
A fronte dei contenuti del chiarimento, che rappresentano un'indubbia
inversione di tendenza rispetto all'atteggiamento tenuto fin qui al tavolo,
Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto ed ottenuto di formalizzare l'esito della
discussione in un verbale che fissi i punti definiti, e dal quale la
trattativa possa proseguire senza incertezze, interpretazioni o
arretramenti, e che possa dare conto all'esterno del reale stato delle
disponibilità, dei problemi da affrontare, ma anche di un impegno non
condizionato da posizioni pregiudiziali della controparte.
Il verbale sottoscritto quindi, ancorché sintetico e parziale, contiene sia
gli elementi di disponibilità certa sopra richiamati, sia l'impegno ad
affrontare i problemi aperti e ancora non