From: Marco Gardella <marco.gardella@mi.infn.it>
Newsgroups: milano.dipartimento
Subject: [Fwd: [personale] Occasionali malfunzionamenti dei servizi di rete,
 possibili cause e rimedi]
Date: Fri, 04 Feb 2005 09:10:16 +0100
 boundary="------------000201060503080200090203"
User-Agent: Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.1; en-US; rv:1.7.2) Gecko/20040804 Netscape/7.2 (ax)
X-Accept-Language: en-us, en

This is a multi-part message in MIME format.
--------------000201060503080200090203
Content-Transfer-Encoding: 8bit



-------- Original Message --------
Subject: 	[personale] Occasionali malfunzionamenti dei servizi di rete, 
possibili cause e rimedi
Date: 	Thu, 03 Feb 2005 17:12:52 +0100
From: 	Maurizio Mariotti <maurizio.mariotti@unimi.it>
To: 	personale@liste.unimi.it



  Università degli Studi di Milano


    Commissione d'Ateneo per le Strategie Informatiche

Presidente Prof. Maurizio Mariotti

Segreteria : Silvia Coia,

Divisione Sistemi Informativi - DSI , via G.Colombo 46, Milano

tel. 0250315232 ,  fax. 0250315278

e-mail: commissione.informatica@unimi.it

	

 

 

 

A tutto il personale

dell'Università degli studi di Milano

 

Oggetto:

Occasionali malfunzionamenti dei servizi di rete, possibili cause e rimedi

 

Cari colleghi,

la  Commissione  per le Strategie informatiche ha preso in esame nella 
sua ultima riunione le segnalazioni di forte sovraccarico della rete di 
Ateneo pervenute nei primi giorni dell'anno da diverse sedi. Ciò si 
manifesta con evidenti rallentamenti sia nel caricamento delle pagine 
web da parte dei browser, che in modo meno evidente nel funzionamento 
della posta elettronica sovraccaricando il server di posta dell'Ateneo. 
Si tratta di fenomeni dovuti alla crescita abnorme del traffico sulle 
reti dati dell'Ateneo che si è manifestata in occasione dell'entrata in 
servizio, alla fine del 2004, del nuovo nodo di accesso delle università 
e degli enti di ricerca lombardi alla rete nazionale universitaria 
(GARR) e ad Internet, che viene gestito direttamente dalla nostra 
Divisione Telecomunicazioni e ci garantisce un grande aumento della 
banda di trasmissione rispetto al passato. Questo che dovrebbe essere un 
vantaggio, rendendo migliori le comunicazioni del nostro Ateneo con il 
mondo, si sta invece traducendo in un peggioramento del servizio a causa 
dei comportamenti di alcuni utenti che non sono sufficientemente 
informati e attenti al buon uso delle risorse informatiche dell' Università.

Virus informatici e programmi P2P

La  Divisione Telecomunicazioni, in base ai dati raccolti monitorando il 
funzionamento della rete, ha  messo in luce due ordini di problemi :

1)        Continuano a ripetersi fenomeni di « infezione » di PC 
connessi alla nostra rete da parte di virus informatici. Questi 
computer, spesso senza che l'utente ne sia consapevole, diventano 
sorgente di un numero enorme di messaggi di posta « infetti » che il 
virus invia dentro e fuori la nostra rete fino a provocare il collasso 
per sovraccarico del nostro mailserver. Per dare un idea del fenomeno, 
negli ultimi sei mesi del 2004, su un totale di 40 milioni di messaggi 
di posta elettronica transitati su  Unimi , il nostro servizio antivirus 
centralizzato ha intercettato 20 milioni di messaggi « infetti ». Oltre 
ai virus che viaggiano via posta elettronica si ripetono continui 
tentativi di intrusione dall'esterno, che sfruttano vulnerabilità dei 
sistemi operativi più diffusi per impadronirsi letteralmente di PC 
presenti nella nostra rete. Le uniche possibili difese, seppur non 
perfette, contro queste « infezioni » sono: la puntuale presenza di 
software antivirus regolarmente aggiornati in tutti i circa 6000 PC 
presenti nella rete, ed il costante e tempestivo aggiornamento dei 
sistemi operativi installati. Questa condizione è attualmente garantita 
per i grandi server centrali e per tutti computer dell'amministrazione 
che sono controllati in remoto dalla Divisione Sistemi Informativi, ma 
non per i PC individuali che restano sotto la responsabilità dei singoli 
docenti.

Bisogna ribadire che, per garantire la connessione di un PC alla rete 
dati, l'Ateneo pone come condizione imprescindibile  il rispetto delle 
buone regole per la sicurezza informatica.

2)        L'analisi delle tipologie di traffico sulla rete ha poi messo 
in evidenza l'enorme crescita del flusso di dati generato dai cosiddetti 
programmi peer-to-peer (P2P).Si tratta di programmi come Gnutella, 
Kazaa, Edonkey, BitTorrent, ecc., che permettono la condivisione di file 
tra computer connessi a Internet e che in pratica vengono usati 
prevalentemente per scambiarsi musica o film tra utenti privati, in una 
ragnatela mondiale in cui ormai si può trovare e "scaricare" di tutto, 
gratuitamente o meno. A parte le responsabilità  personali, civile e 
penali, legate al fatto di riprodurre senza autorizzazione materiale 
soggetto a protezione del diritto d'autore, bisogna sottolineare che 
l'utilizzo nella rete di Ateneo di questi programmi per uso personale 
costituisce un uso illecito di uno strumento che l'Università fornisce 
per soli scopi di servizio. Inoltre molti utenti probabilmente ignorano 
che utilizzando i programmi citati, a fronte della possibilità di 
« scaricare » un file da Internet, si accetta che il proprio computer 
diventi un server a disposizione di tutti e fuori dal proprio controllo, 
tanto che, se si controllano i flussi di dati in transito, si vedrà che 
dopo poco tempo l' upload ( ciò che viene prelevato dal PC da parte di 
chiunque sa interessato) ha abbondantemente superato  il download ( ciò 
che l'utente scarica per proprio interesse). In effetti, a causa di 
questi comportamenti, dalla rete di Unimi si registra oggi un traffico 
enorme verso l'esterno, ben maggiore di quello in senso inverso. 
Addirittura alcuni di questi programmi, incautamente installati su 
qualche computer di Ateneo, cercano di assicurarsi in modo esclusivo 
buona parte della banda di trasmissione, compresa quella della rete 
locale, causando così un grave danno sia ai colleghi del Dipartimento 
che a tutto il resto dell'Ateneo.

 

Interventi tecnici e buona educazione informatica

La Commissione informatica, anche alla luce del Regolamento per la 
Sicurezza ICT di Ateneo di recentissima adozione, proporrà al Rettore ed 
agli organi di governo una serie di semplici regole di « Igiene 
Informatica » da pubblicizzare e far applicare nell'Ateneo e favorirà lo 
sviluppo dei  servizi di assistenza all'informatica personale dei 
colleghi. In questo ambito è stato recentemente stipulato un contratto 
Campus di Ateneo per un software antivirus sui PC personali, come è 
stato fatto per il software Microsoft.

 La Commissione informatica sosterrà anche l'introduzione di tutti 
quegli accorgimenti tecnici che permettono di limitare il fenomeno nei 
suoi aspetti illeciti, consapevole che non  è possibile eliminarlo 
completamente, visto che la stessa tecnologia può essere utilizzata per 
scopi scientifici e didattici. Per questo motivo sarà necessario 
identificare le strutture in cui questi comportamenti sono più frequenti 
e prendere adeguati provvedimenti per scoraggiarli, prima di tutto 
attraverso l'intervento dei  responsabili  locali per i servizi 
informatici che'Ateneo sta organizzando. Tuttavia, laddove per questa 
strada non si ottenessero buoni risultati, la Commissione ha 
raccomandato alla Divisione Telecomunicazioni di porre limiti di accesso 
alla rete nei confronti di quelle  strutture che non controllano il 
fenomeno.

Deve essere chiaro che l'uso di questi programmi in PC connessi alla 
rete di Ateneo costituisce un comportamento illecito, passibile di 
denunce e provvedimenti disciplinari, e che l'Ateneo dovrà adottare 
tutte le misure necessarie per impedirlo e salvaguardare il buon 
funzionamento dei propri servizi informatici.

Cordiali saluti,

Milano, 3 febbraio 2005

 

Il Presidente della

Comm. di Ateneo per le Strategie Informatiche

        Prof. Maurizio Mariotti


--------------000201060503080200090203
 boundary="------------090605010605070100030008"


--------------090605010605070100030008
Content-Transfer-Encoding: 7bit

<!DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.01 Transitional//EN">
<html>
<head>
  <meta content="text/html;charset=ISO-8859-1" http-equiv="Content-Type">
  <title></title>
</head>
<body bgcolor="#ffffff" text="#000000">
<br>
<br>
-------- Original Message --------
<table border="0" cellpadding="0" cellspacing="0">
  <tbody>
    <tr>
      <th align="right" nowrap="nowrap" valign="baseline">Subject: </th>
      <td>[personale] Occasionali malfunzionamenti dei servizi di rete,
possibili cause e rimedi</td>
    </tr>
    <tr>
      <th align="right" nowrap="nowrap" valign="baseline">Date: </th>
      <td>Thu, 03 Feb 2005 17:12:52 +0100</td>
    </tr>
    <tr>
      <th align="right" nowrap="nowrap" valign="baseline">From: </th>
      <td>Maurizio Mariotti <a class="moz-txt-link-rfc2396E" href="mailto:maurizio.mariotti@unimi.it"><maurizio.mariotti@unimi.it></a></td>
    </tr>
    <tr>
      <th align="right" nowrap="nowrap" valign="baseline">To: </th>
      <td><a class="moz-txt-link-abbreviated" href="mailto:personale@liste.unimi.it">personale@liste.unimi.it</a></td>
    </tr>
  </tbody>
</table>
<br>
<br>
<title></title>
<meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=iso-8859-1">
<meta content="MSHTML 6.00.2900.2523" name="GENERATOR">
<table
 style="border: medium none ; margin-left: 10.6pt; border-collapse: collapse;"
 border="1" cellpadding="0" cellspacing="0">
  <tbody>
    <tr style="height: 97.35pt;">
      <td
 style="border: 0.5pt solid windowtext; padding: 0in 3.5pt; width: 337.5pt; height: 97.35pt; background-color: transparent;"
 valign="top" width="450">
      <h1 style="margin: 0in 0in 0pt;"><span
 style="font-family: 'Times New Roman';" lang="IT"><font size="3"><em>Università
degli Studi di Milano<o:p></o:p></em></font></span></h1>
      <h2 style="margin: 0in 0in 0pt; text-align: justify;"><span
 lang="IT"><em>Commissione d’Ateneo per le Strategie Informatiche</em></span></h2>
      <p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-align: justify;"><span lang="IT"><em><font
 size="2">Presidente Prof. Maurizio Mariotti<o:p></o:p></font></em></span></p>
      <p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-align: justify;"><i style=""><span
 lang="IT"><font size="2">Segreteria : Silvia Coia,<o:p></o:p></font></span></i></p>
      <p class="HTMLBody"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-align: justify;"><i style=""><span
 style="font-family: 'Times New Roman';" lang="IT"><font size="2">Divisione
Sistemi Informativi – DSI , via G.Colombo 46, Milano<o:p></o:p></font></span></i></p>
      <p class="HTMLBody"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-align: justify;"><i style=""><span
 style="font-family: 'Times New Roman';" lang="IT"><font size="2">tel.
0250315232 ,<span style="">  </span>fax. 0250315278<o:p></o:p></font></span></i></p>
      <p class="HTMLBody"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-align: justify;"><i style=""><span
 style="font-family: 'Times New Roman';" lang="IT"><font size="2">e-mail:
<a class="moz-txt-link-abbreviated" href="mailto:commissione.informatica@unimi.it">commissione.informatica@unimi.it</a><o:p></o:p></font></span></i></p>
      </td>
      <td
 style="border-style: solid solid solid none; border-color: windowtext windowtext windowtext rgb(212, 208, 200); border-width: 0.5pt 0.5pt 0.5pt medium; padding: 0in 3.5pt; width: 80.65pt; height: 97.35pt; background-color: transparent;"
 valign="top" width="108">
      <p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-align: justify;"><span
 style="font-family: 'New York';" lang="IT"><font size="2"><img
 src="cid:part1.02020906.08000004@mi.infn.it" v:shapes="_x0000_i1025"
 height="124" width="97"><o:p></o:p></font></span></p>
      </td>
    </tr>
  </tbody>
</table>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 lang="IT"><font size="2"> <o:p></o:p></font></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 lang="IT"><font size="2"> <o:p></o:p></font></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 lang="IT"><font size="2"> <o:p></o:p></font></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">A tutto il personale<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">dell’Università degli studi di
Milano<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal" style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT"> <o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><b
 style=""><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Oggetto: <o:p></o:p></span></b></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><b
 style=""><u><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Occasionali
malfunzionamenti dei servizi di rete, possibili cause e rimedi<o:p></o:p></span></u></b></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT"> <o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">Cari colleghi,<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">la<span style="">  </span>Commissione<span
 style="">  </span>per le Strategie informatiche ha preso in esame
nella sua ultima riunione le segnalazioni di forte sovraccarico della
rete di Ateneo pervenute nei primi giorni dell’anno da diverse sedi.
Ciò si manifesta con evidenti rallentamenti sia nel caricamento delle
pagine web da parte dei browser, che in modo meno evidente nel
funzionamento della posta elettronica sovraccaricando il server di
posta dell’Ateneo. Si tratta di fenomeni dovuti alla crescita abnorme
del traffico sulle reti dati dell’Ateneo che si è manifestata in
occasione dell’entrata in servizio, alla fine del 2004, del nuovo nodo
di accesso delle università e degli enti di ricerca lombardi alla rete
nazionale universitaria (GARR) e ad Internet, che viene gestito
direttamente dalla nostra Divisione Telecomunicazioni e ci garantisce
un grande aumento della banda di trasmissione rispetto al passato.
Questo che dovrebbe essere un vantaggio, rendendo migliori le
comunicazioni del nostro Ateneo con il mondo, si sta invece traducendo
in un peggioramento del servizio a causa dei comportamenti di alcuni
utenti che non sono sufficientemente informati e attenti al buon uso
delle risorse informatiche dell’ Università.<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><b
 style=""><u><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Virus informatici
e programmi P2P<o:p></o:p></span></u></b></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">La<span style="">  </span>Divisione
Telecomunicazioni, in base ai dati raccolti monitorando il
funzionamento della rete, ha<span style="">  </span>messo in luce due
ordini di problemi :<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">1)<span
 style="font-family: 'Times New Roman'; font-style: normal; font-variant: normal; font-weight: normal; font-size: 7pt; line-height: normal; font-size-adjust: none; font-stretch: normal;">       
</span></span><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Continuano a
ripetersi fenomeni di « infezione » di PC connessi alla nostra rete da
parte di virus informatici. Questi computer, spesso senza che l’utente
ne sia consapevole, diventano sorgente di un numero enorme di messaggi
di posta « infetti » che il virus invia dentro e fuori la nostra rete
fino a provocare il collasso per sovraccarico del nostro <i style="">mailserver</i>.
Per dare un idea del fenomeno, negli ultimi sei mesi del 2004, su un
totale di 40 milioni di messaggi di posta elettronica transitati su
 Unimi , il nostro servizio antivirus centralizzato ha intercettato 20
milioni di messaggi « infetti ». Oltre ai virus che viaggiano via posta
elettronica si ripetono continui tentativi di intrusione dall’esterno,
che sfruttano vulnerabilità dei sistemi operativi più diffusi per
impadronirsi letteralmente di PC presenti nella nostra rete. Le uniche
possibili difese, seppur non perfette, contro queste « infezioni »
sono: la puntuale presenza di software <b style="">antivirus
regolarmente aggiornati</b><u> </u>in tutti i circa 6000 PC presenti
nella rete, ed il costante e <b style="">tempestivo aggiornamento dei
sistemi operativi</b> installati. Questa condizione è attualmente
garantita per i grandi server centrali e per tutti computer
dell’amministrazione che sono controllati in remoto dalla Divisione
Sistemi Informativi, ma non per i PC individuali che restano sotto la
responsabilità dei singoli docenti. <o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><b
 style=""><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Bisogna ribadire
che, per garantire la connessione di un PC alla rete dati, l’Ateneo
pone come condizione imprescindibile <span style=""> </span>il
rispetto delle buone regole per la sicurezza informatica.<o:p></o:p></span></b></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">2)<span
 style="font-family: 'Times New Roman'; font-style: normal; font-variant: normal; font-weight: normal; font-size: 7pt; line-height: normal; font-size-adjust: none; font-stretch: normal;">       
</span></span><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">L’analisi delle
tipologie di traffico sulla rete ha poi messo in evidenza l’enorme
crescita del flusso di dati generato dai cosiddetti <b style="">programmi
peer-to-peer (P2P).</b>Si tratta di programmi come Gnutella, Kazaa,
Edonkey, BitTorrent, ecc., che permettono la condivisione di file tra
computer connessi a Internet e che in pratica vengono usati
prevalentemente per scambiarsi musica o film tra utenti privati, in una
ragnatela mondiale in cui ormai si può trovare e “scaricare” di tutto,
gratuitamente o meno. A parte le responsabilità <span style=""> </span>personali,
civile e penali, legate al fatto di riprodurre senza autorizzazione
materiale soggetto a protezione del diritto d’autore, bisogna
sottolineare che <b style="">l’utilizzo nella rete di Ateneo di questi
programmi per uso personale costituisce un uso illecito </b>di uno
strumento che l’Università fornisce per soli scopi di servizio. Inoltre
molti utenti probabilmente ignorano che utilizzando i programmi citati,
a fronte della possibilità di « scaricare » un file da Internet, si
accetta che il proprio computer diventi un <i style="">server</i> a
disposizione di tutti e fuori dal proprio controllo, tanto che, se si
controllano i flussi di dati in transito, si vedrà che dopo poco tempo
l’ <i style="">upload </i>( ciò che viene prelevato dal PC da parte di
chiunque sa interessato) ha abbondantemente superato  il <i style="">download</i> (
ciò che l’utente scarica per proprio interesse). In effetti, a causa di
questi comportamenti, dalla rete di Unimi si registra oggi un traffico
enorme verso l’esterno, ben maggiore di quello in senso inverso.
Addirittura alcuni di questi programmi, incautamente installati su
qualche computer di Ateneo, cercano di assicurarsi in modo esclusivo
buona parte della banda di trasmissione, compresa quella della rete
locale, causando così un grave danno sia ai colleghi del Dipartimento
che a tutto il resto dell’Ateneo. <o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT"> <o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt 35.4pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><b
 style=""><u><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Interventi
tecnici e buona educazione informatica<o:p></o:p></span></u></b></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">La Commissione informatica, anche
alla luce del Regolamento per la Sicurezza ICT di Ateneo di
recentissima adozione, proporrà al Rettore ed agli organi di governo
una serie di semplici regole di « Igiene Informatica » da pubblicizzare
e far applicare nell’Ateneo e favorirà lo sviluppo dei<span style="">  </span>servizi
di assistenza all’informatica personale dei colleghi. In questo ambito
è stato recentemente stipulato un contratto Campus di Ateneo per un
software antivirus sui PC personali, come è stato fatto per il software
Microsoft.<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT"><span style=""> </span>La
Commissione informatica sosterrà anche l’introduzione di tutti quegli
accorgimenti tecnici che permettono di limitare il fenomeno nei suoi
aspetti illeciti, consapevole che non<span style="">  </span>è
possibile eliminarlo completamente, visto che la stessa tecnologia può
essere utilizzata per scopi scientifici e didattici. Per questo motivo
sarà necessario identificare le strutture in cui questi comportamenti
sono più frequenti e prendere adeguati provvedimenti per scoraggiarli,
prima di tutto attraverso l’intervento dei<span style="">  </span>responsabili<span
 style="">  </span>locali per i servizi informatici che’Ateneo sta
organizzando. Tuttavia, laddove per questa strada non si ottenessero
buoni risultati, la Commissione ha raccomandato alla Divisione
Telecomunicazioni di porre limiti di accesso alla rete nei confronti di
quelle<span style="">  </span>strutture che non controllano il
fenomeno. <o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">Deve essere chiaro che l’uso di
questi programmi in PC connessi alla rete di Ateneo costituisce <b
 style="">un comportamento illecito, passibile di denunce e
provvedimenti disciplinari,</b> e che l’Ateneo dovrà adottare tutte le
misure necessarie per impedirlo e salvaguardare il buon funzionamento
dei propri servizi informatici.<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; text-indent: 14.2pt; line-height: 150%; text-align: justify;"><span
 style="font-size: 12pt;" lang="IT">Cordiali saluti,<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: right;"
 align="right"><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Milano, 3
febbraio 2005<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: right;"
 align="right"><span style="font-size: 12pt;" lang="IT"> <o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt 14.2pt; text-indent: 14.15pt; line-height: 150%; text-align: center;"
 align="center"><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Il Presidente
della<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt 14.2pt; text-indent: 14.15pt; line-height: 150%; text-align: center;"
 align="center"><span style="font-size: 12pt;" lang="IT">Comm. di
Ateneo per le Strategie Informatiche<o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt 14.2pt; text-indent: 14.15pt; line-height: 150%; text-align: center;"
 align="center"><span style="font-size: 12pt;" lang="IT"><img
 src="cid:part2.04040100.08010404@mi.infn.it" v:shapes="_x0000_i1026"
 height="47" width="150"><o:p></o:p></span></p>
<p class="MsoNormal"
 style="margin: 0in 0in 0pt; line-height: 150%; text-align: center;"
 align="center"><span style="font-size: 12pt;" lang="IT"><span style="">       
</span>Prof. Maurizio Mariotti</span></p>
</body>
</html>

--------------090605010605070100030008
Content-Transfer-Encoding: base64
Content-ID: <part1.02020906.08000004@mi.infn.it>

R0lGODlhYQB8AHcAMSH+GlNvZnR3YXJlOiBNaWNyb3NvZnQgT2ZmaWNlACwAAAAAYQB8AIQA
AAD///8BAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMB
AgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMBAgMC/4yPqcvtD6OctNqL
s968+w+G4kiW5ommGxAAbqvGjfsadEuzMprrb49j3Xai3i1nEyKHRI4PlwwehNMarImxKqvU
JNDHxEaAUB1M+X3+wmIG+ud9Stfeubmt2MbjcASzNmSFFxUGaGjkF4h414YExZVnJFgWZMbY
tAUmtSDZ5Zf4KbakdZnYWaoHiLUGNxl5epXAaElEWglRSJZ3ZVlqMuv48MY3Ixel4uvLScY6
81iVkqz8Ohq8PHX86zYdSVg57fpMgsq9y4W4HRs67maeDo3Oie0e0jsvK75+y2aaDV0kbxm4
c5uu3fsHgpysTNJIHTF4T5cHVN0KtiOmzh8fY/8dKArkh+/UpXB08mnwSA1cMzQQQ0o8GXCb
ypQjw/GydpKOLXvF2nlCuEuRk0W9JDm4s9KVTX9LJzxk40glUaT9nH0bemQSs25UugRDyg3W
UItVgRWqqq4pIZwVZmVc+PNpLlVAZbLMULTcTUjfitoAJUyQ2qNfJNhbFKtwHVwEL6DT+3ej
ljp9TNpla3gf5LRnDG3qA1JgXafwNvPqzCxr18GLQ+PyS0Gu6jReSRttm9E0MZBG9WTOauEu
a5e2+h1SpvV2bOWxb9Wdei250OVg27JSg/0ZSd+R4xl2G3zP39mH5Fnz6truwe+73wzTDtcs
X6eKcQOvDUYTU6UOly//DO4ebXspMhk/9Y3RWWTWkddVa2A5lMx6gTFHX1+zldYdQzV599pq
uq1lx2oZokehc28RpppjzglnYStf1fTfdyUi+McZ2jFEVk/6MNYMgJ81GOJ1L1U0mjMzTphi
Kr0JWMxk9C3hGFEmXtXXb8DJuBd1nVDZnY0n+rQYlvo156FYQoYH5ZMc0niMTpqtOaGEhGEz
HGBlrGThlB0WadV8FVZz55I/dThkYKgByOQwT/l4p3WHLuhifvdpxNgjdUr24aJ/HFcoinAi
OegYD+7UIk9HoXbpWwNVxJyk3pVTWabgXRTUlmsBIydNqVa5FEoN0qZTcXPeZV+nlsWH6lRU
/xlKbHNzyHRqkvFwF1Z/aJqKVjppHlrSsedUtqCdpozZpomICeuTsZXq2R547oU5pmv5eUto
t0IqFulNsTZmnmdZ4LqllKOgusdxXQaa3roMigQLaIK1qSSX9IpKYJkMBzJeGj/+qom6CFp6
8cW36hegyB5/HHLIIAvnKsNXJSwjpxrfm0mpqfGa8a60fpvye1FRUlLHN08UcDUtz5Uxzwxi
1BG3PZNHGcmphIhPQtlEZXSwyi1s8ofMGvdYK8liLKi0mK0Ao0g5ByxZhnnCHCWR51pKcJBy
BN1sPdEhjDCwsonlJ0CvrEy32nSVDKM2HyH+NKaY6Yzb4vNyDHWLCpCKq7iuXfecI+Qq7jek
m1x9hpDnn0Mk3dmC2WR6FgFN6peZHGEew0j6Pv1zgjGuEpKNc7lc2+6igPIusUeDnG0jeTGu
8pStj+Ak7rbyO4iuVV/f98l4iKxZoHlWT3GBnnFXJfgxSw+4+eHj/r36atrdvPuQSi8/2uzX
3xH3+O/Pf//+/w/AAApwgAQsoAEbUAAAOw==
--------------090605010605070100030008
Content-Transfer-Encoding: base64
Content-ID: <part2.04040100.08010404@mi.infn.it>

/9j/4AAQSkZJRgABAQEAYABgAAD//gAcU29mdHdhcmU6IE1pY3Jvc29mdCBPZmZpY2X/2wBD
AAgGBgcGBQgHBwcJCQgKDBQNDAsLDBkSEw8UHRofHh0aHBwgJC4nICIsIxwcKDcpLDAxNDQ0
Hyc5PTgyPC4zNDL/wAALCAAvAJYBAREA/8QAGwABAAMBAQEBAAAAAAAAAAAAAAUGBwQDAQL/
xAAwEAABAwQBAwMDAwMFAAAAAAABAgMEAAUGESESEzEHQVEiYYEUFRYjcbFScpGh0v/dAAQA
KP/aAAgBAQAAPwDf6VUZmXTjljlstdsTMgwS2m5yS70llTh4CQeFdI+pXwPvVupSlKUpSlKU
pSlKjcgvMfHcfnXeTy1EZU4UjyojwkfcnQ/NRmC2Z+0YuyZ/1XOapUyco+S859Sh+OE/irLS
lQOa3w43hd3u6FBL0aMoskjY7hGkcf7iKkbOuW5ZIDk8gzFR21PkJ0OspHVx7c7rtpSlK8pU
qPCjOSZT7bDDY2tx1QSlI+5Pivy5NisqjpckNIVIV0shSwO4dE6T88AnivelKUrPstnQcrvG
NY9ClsyosmaqVLLKwtPbjjqKTr5WUiv/0N+UpKBtRAHyTVdvGe4vY1BE28xu8pQQlhlXdcKj
4HSjZqxA9QBHg88ivtUH1OSbn/HMbSSf3S6t95I92Wv6i/8AAq/UpSlKxj1wuUq7tsYjbHEh
RLT8zzz1OBDSOPcqIOvsD7V1Tnf1XrjieOsLC4tigLdcSOdLLZSN/gI/5rXaUpSsOyywtQ/V
G43q1w9M2u3tS58WM4thT6VqUFqSptSSFBKer4Oua1pmyWObBjufoY0tgtpLa3094qSQNEqX
snjXJ5qlt2WAr1yba/RsNx4NlEiMyhoJQlwu9JXocb0fNaXUfFvlsm3aXa40tDk2HrvtAHaN
8jnx7jx81V+k3T1m6j9TNltPA/0vPr/8JqmQMky1m+ZNHuWUdhdtlBEd1dvS5BUDohDikp6k
HRA88b99VecR9RLXktqW6640xcIyy1Kitr7hCwdbR08rSfIIrj9N5lxuNyy2bIVKNucuq0wk
ySoKSE8KASrlI3rjj+1dWG3mbdsszJt2YX4MOc3HjI400Qj6wOPn/BqLzTLG5+TW7B7Zcnoc
yTLQ3PfZ+hbTRQV9KF+ApWtbHivGXbZWK5PDska9XT9nyCO/GSt59TrkOSlHUlaFq5Gxvj5F
ZVg65N6y+Ou6ZDKQ27c0lc59gFMl1kEMoStQICjsnR48eTWieldnfueZZTmcl5496W7CjKV0
/WhKhsnj26UAa14Nas810MKUqW62lO1le08Ac/HiqHidxvuYzZsxubIaxTTrEdx0JEiWSOnu
JISnoSOSPff/AFeLTa2LNbGYEZb62WhpKn3lOr/KlEmu2lZ/kz7eL5oq/wA6O87Z7jbjBlLa
aLnacSoqR1AbPSoKUnfzUv6bszI/pzYWbg041JRFSlSHAQpI51sHxxqve7WOQ5lloyCCUF2M
lcWS2o67jC9HYPylQCte43X/0d/rgtdqZtSZXbUpa5UlyS64vypSj4/sBpI+wFVBxnJLTmOQ
rtllEpV3LCo05x1KWGAhsIPcG+rg7ICQd79q8IGOXjArg/MtcZ2+wp6EquDIcSmQZA3t5PWQ
khW+U7GuNVKYbaZyLzkF+n20W790eaUxEWpKnG0No6epXSSAVedAnVeD+J5HAuF1/jt7iRIN
1fMh0PxytyO6rQWpsggHet6Pg1zQ8Hu2ITlScOfhLbkspRNYua1juup3p7rSCeo7OxrRqPuP
o4zdbYXn7u6xkbr5lP3NlHCnCQQAknYSnQ6dEEV7wPS2dMmx5GY5RKv7MUksxFI7TQVrXUrR
2Tomo9fprkRs8nD25VpTi7kpT7clTalSmUFXV0JTrpCgeArfg/itExrHYOK2GPZ7d3DGY6iF
Oq6lqJJJJPHOzXXdLe3dbRMtzq1ttymFsKW2dKSFJIJB+ea4sYsr2PWCLanpwmCMgNtuBkNa
QBoDQJ5+9TFKU80pSlKUpSlKUpSlK//Z
--------------090605010605070100030008--

--------------000201060503080200090203--