From: Clara Troncon <troncon@mi.infn.it>
Newsgroups: milano.ricercatori
Subject: Modifiche regolamento concorsi INFN - Discussione (2)
Date: Fri, 4 May 2001 11:56:34 +0200

Cari colleghi,

alleghiamo di seguito i resoconti delle assemblee svolte a Firenze, Genova, 
Frascati e LNS sulle modifiche proposte al regolamento dei concorsi INFN.
(Erano in fondo al messaggio precedente, tagliato perche' troppo lungo).
                          Cordiali saluti
                          Clara Troncon e Enrico Vigezzi




==============================================================================
FIRENZE

From Filippo.Colomo@fi.infn.it
Subject: Assemblea dei Ricercatori di Firenze

Cari Colleghi,
Qui a Firenze ci siamo riuniti in assemblea Venerdi` 20,
per discutere la bozza di modifica del regolamento concorsi 
dell'INFN. Come potete immaginare sono emerse molte perplessita`.

Prima di tutto, data la delicatezza dell'argomento, perche` 
non rimandare di un mese l'approvazione delle modifiche?

Perche` scrivere esplicitamente (Art. 3 comma 3) che il presidente di
Commissione, anche per posti di III livello, deve essere di I livello? 
Finora, in linea di massima e` stato cosi` senza bisogno di scriverlo,
e, se ci pensate, le poche volte in cui cosi` non e` stato,
evidentemente  un motivo valido c'era.

Cosa vuol dire quell' "esterni" nell'Art.  3 comma 2
"Le Commissioni dei concorsi per i profili di ricercatore e tecnologo
sono costituite in maggioranza da componenti esterni all'Istituto."
Ovviamente l'Assemblea   auspica che fra gli esterni siano inclusi 
gli Universitari  associati all'INFN.

Ma piu` di tutti lascia perplessi l'art. 10 comma 1. L'assemblea
si rende conto ovviamente che se viene minimamente rispettata
la programmazione fatta per le assunzioni sul III livello, da qui 
a un paio d'anni il buffer disponibile per concorsi di II e I livello
(organico - dipendenti) sara` dell'ordine di 10 posti.
L'assemblea prende atto che la dirigenza dell'INFN ha individuato ed
affrontato il problema tempestivamente. D'altro canto molti dubbi 
solleva la discrezionalita` lasciata al Direttivo al momento della
nomina degli idonei. Per limitare tale discrzionalita, e` stata 
contemplata dall'Assemblea la possibilita` di introdurre  una 
graduatoria degli idonei,  possibilita`  alla fine 
scartata perche` sostanzialmente impraticabile.

A tutti questi punti a risposto in maniera piu` o meno esauriente
Scribano all'Asssemblea dei Ricercatori di Pisa.
Riassumendo un po brutalmente: 
 le leggi di riforma degli enti impongono necessariamente di scrivere 
 alcune delle frasi a noi sgradite. Ma  in ogni modo ci dobbiamo fidare
 della nostra dirigenza che ha pensato lungamente al problema e che 
 a scelto il miglior compromesso per affrontare e risolvere la questione
 posta da un lato dalle modifiche al regolamento richieste dai decreti 
 di riforma degli EPR, dall'altro dal problema posto dai limiti di
 pianta organica per quanto i riguarda i  concorsi di II e I livello. 
 E ci dobbiamo ancor piu` fidare della  nostra  dirigenza nella futura
 interpretazione di queste norme nella maniera secondo noi piu` 
 ragionevole.

Di fronte a tali risposte non abbiamo molto  da dire, se non 
deplorare che  ancora una volta decisioni di vitale importanza
per l'INFN vengano prese dalla dirigenza sopra la  nostra testa, e noi 
ricercatori veniamo informati a giochi essenzialmente conclusi.

Durante l'Assemblea di Firenze e` comunque stato discusso anche un altro
aspetto, non emerso dai resoconti delle altre assemblee:
molte perplessita` ha generato la doppia lista, di vincitori ed idonei,
separatamente disposti in ordine alfabetico. Questo  significa
che la Commissione concorsuale indica di fatto vincitori di serie A
e di serie B. Ed ovviamente un futuro Direttivo si potrebbe sentire
un po` meno vincolato a nominare vincitori tutti gli idonei, dato che 
sono di serie B; il direttivo potrebbe sentirsi autorizzato a scegliere
soltanto i "migliori" fra questi di serie B. 
Proponiamo quindi che la Commissione Concorsuale stili un 'unica 
graduatoria, in ordine alfabetico, di N idonei, per un concorso di 
K posti, (K<N), e che poi il Consiglio Direttivo, avuto riguardo 
alle esigenze funzionali delle Strutture e dei programmi di ricerca
dell'Istituto, nomini da un minimo di K ad un massimo di N 
vincitori scelti tra i candidati idonei.

Speriamo che questa nostra proposta trovi consenso tra di voi, e 
in tal caso riteniamo che sarebbe opportuno che ognuno si adoperasse, 
anche tramite i propri Direttori, ad un'opera di lobbying in tale senso.

Cordiali saluti a tutti

Filippo Colomo

========================================================================
GENOVA

From Alessandro.Petrolini@ge.infn.it 

Subject: Verbale assemblea ricercatori e tecnologi della sezione di Genova,
      23/04/2001

Il giorno 23/4 si e` tenuta l'assemblea congiunta dei ricercatori e tecnologi
della Sezione INFN di Genova, per discutere le modifiche al regolamento dei
concorsi.

L'assemblea e` cosciente del fatto che gran parte delle modifiche proposte
sono applicazioni dovute di norme di legge.  Cio` nonostante ritiene opportuno
esprimere un'opinione in merito.

Pur con alcune diversita` di vedute, c'e' stata complessivamente una
convergenza di massima su alcuni punti, che sono riassunti nel seguito.

Articolo 3.  
Pur consapevoli del fatto che una norma di legge impone che la maggioranza dei
componenti delle commissioni siano persone "esterne" all'ente, e supponendo che
questo vada inteso nel senso di persone "non dipendenti INFN", si sottolinea
come tale norma sia penalizzante per la professionalita` ed autonomia 
dell'ente.
Il controllo delle commissioni di concorso da parte di persone "esterne"
all'ente, senza che si applichi alcuna reciprocita`, e` elemento di
frustrazione per i ricercatori e tecnologi INFN.  Questi vedono infatti
riconosciuta dalla comunita` scientifica internazionale la loro competenza e
professionalita` ai massimi livelli, ma sono posti in posizione subordinata
per quanto riguarda l'assunzione e la promozione del personale ricercatore e
tecnologo INFN.
Si osserva inoltre che gli stessi adempimenti legislativi che obbligano alla
definizione delle norme per il reclutamento del personale INFN obbligherebbero
anche, negli stessi termini, alla definizione della mobilita` orizzontale tra
Universita` ed enti di ricerca.  Apparentemente questo secondo aspetto e`
stato finora disatteso, compromettendo cosi` la valorizzazione della
professionalita` dei ricercatori e tecnologi INFN.

Articolo 9.  
Si auspica un maggiore snellimento e velocizzazione delle procedure di
valutazione dell'attivita`.

Articolo 10.  
Pur comprendendo le motivazioni e gli obiettivi che sono all'origine delle
modifiche proposte, i seguenti punti suscitano molta perplessita`:
1) il numero degli idonei per ogni concorso, fissato dal bando,
   appare in larga misura arbitrario;
2) il destino degli idonei e` totalmente demandato alla discrezionalita` del
   Consiglio Direttivo;
3) l'utilizzo degli idonei viene deciso, dal Consiglio Direttivo,
   senza l'uso di alcuna graduatoria scientifica, ma tenendo piuttosto conto
   delle esigenze delle strutture INFN.
Pur comprendendo le ragioni che sono all'origine di tali provvedimenti, questi
sono, in larga parte, non condivisi. In particolare non e` condivisa l'assenza
di una graduatoria di merito.

Si osserva infine come si giunga all'approvazione di un provvedimento di cosi`
grande portata con una discussione, a quanto pare, piuttosto scarsa.


===============================================================================
FRASCATI

From Stefano.Bianco@lnf.infn.it 

Subject: Sulla bozza di modifiche regolamento con norma di idoneita` (fwd)



 Inoltriamo una petizione a firma di alcuni ricercatori di questi
 Laboratori Nazionali.

 Cordialita`
 Stefano Bellucci e Stefano Bianco
 Rapp ricercatori in CdL
------------------------------------------------------------------------

                                       Al rappresentante nazionale 
					dei ricercatori in CD M.Macri
                                       al direttore LNF
                                       al presidente INFN



  I sottoscritti ricercatori dei Laboratori Nazionali di Frascati  
  chiedono che l'approvazione
  delle modifiche al regolamento concorsi (documento presentato
  al CD di marzo) venga rinviata al CD di fine maggio,
  onde consentirne approfondita discussione nelle UUOO.

  Con osservanza,

   S.Bianco S.Dell'Agnello D.Babusci P.Gianotti G.Bencivenni H.Bilokon
   S.Miscetti A.Sansoni M.Bertani C.Forti M.Serio R.DeSangro P.Campana
   G.Pancheri L.Votano


========================================================================
Laboratori Nazionali del Sud

From agodi@lns.infn.it 

Subject: regolamento concorsi


Vi inviamo in allegato una nota su cio' che e' emerso alla riunione dei
ricercatori dei LNS, sulla modifica al regolamento dei concorsi. Il nostro
direttore si e' impegnato a mandare tale nota al prossimo CD, a cui purtroppo
non potra' partecipare.
A presto

Titti e Paolo



APPUNTI  SULLA RIUNIONE DEI RICERCATORI DIPENDENTI ED ASSOCIATI TENUTASI 
IN DATA  20-4-2001





Art. 3, comma 2. Non e' chiara la definizione di  "esterni all'Istituto". 
Un'interpretazione stretta potrebbe escludere tutto il personale INFN 
dipendente e associato; naturalmente questo e' ritenuto estremamente 
pericoloso. Se il termine "esterno" si riferisce al personale associato 
si ritiene che questo creerebbe per la prima volta una spaccatura  
all'interno del personale dell'Ente. Inoltre non si vede la necessita'
 per cui si debba definire per legge una maggioranza all'interno 
della commissione.

Art .3, comma 3 ,lettera a). Si ritiene eccessivamente limitativo 
escludere i primi ricercatori ed i professori associati dalla possibilita'
 di ricoprire il ruolo di presidente di commissione.

Art. 10, comma 1. Pur apprezzando la disponibilita' ad incrementare 
il numero di posti disponibili a concorso introducendo un meccanismo 
di idoneita', si ritiene che le modalita' di attuazione di tale meccanismo 
debbano essere ulteriormente discusse e approfondite.