From: Maurizio Lontano <troubles@fisica.unimi.it>
Newsgroups: milano.seminari
Subject: 19-05-2008 Prospettive della Fusione Termonucleare Controllata: il progetto ITER
Date: Tue, 18 Mar 2008 07:52:12 +0000 (UTC)

                           Seminario di Dipartimento

                              Il giorno 19-05-2008
                            alle ore 16:00 in Aula A

                           Il Dott. Maurizio Lontano
  Dirigente di Ricerca dell*Istituto di Fisica del Plasma, Consiglio Nazionale
           delle Ricerche, Associazione EURATOM * ENEA * CNR, Milano

                        terra' un seminario dal titolo:

     Prospettive della Fusione Termonucleare Controllata: il progetto ITER

                                   Abstract:
    L`economia mondiale ha bisogno di quantita` di energia sempre maggiori.
  Parallelamente c`e` l`esigenza di salvaguardare l`ecosistema, riducendo sia
  l`immissione di gas "serra" nell`atmosfera, sia la produzione di scorie. Lo
sfruttamento dell`energia da fusione rappresenta una possible opzione sul lungo
 periodo in grado di soddisfare entrambe queste necessita`. Dopo aver esaminato
le condizioni fisiche necessarie per ottenere un guadagno netto di energia da un
sistema in cui avvengono reazioni termonucleari, si descriveranno i principi del
 reattore a fusione e le specificita` delle macchine piu` importanti su cui si
    conduce attualmente la sperimentazione. Prendendo spunto dalle questioni
critiche sorte nel corso delle ricerche, si descriveranno le prospettive che si
     sono aperte con l`avvio della costruzione in Francia del tokamak ITER
 (International Thermonuclear Experimental Reactor). Questa macchina, frutto di
 una collaborazione internazionale e che iniziera` ad operare attorno al 2017,
costituisce un prototipo di reattore sperimentale a fusione su cui affrontare e
  risolvere i problemi di fisica e tecnologia previsti nella realizzazione del
  primo reattore a fusione. Si illustrera` quindi il programma internazionale
                          sulla Fusione Termonucleare.

                       Tutti sono invitati a partecipare

                               Per Informazioni:
                             Prof. Roberto Pozzoli